© franciscan cyberspot

Franciscan Friary
St. Francis Str. 1
Jerusalem



The Custody
is present in:
Israel / Palestine
Jordan
Syria
Lebanon
Egypt
Cyprus
Greece

Buenos Aires
Milan
Naples
Palermo
Rome
Madrid
Washington

and
Commissariates
in various
countries
all around
the world


Scuole cristiane in Terra Santa
- Educazione alla tolleranza -
L’ESPERIENZA FRANCESCANA DELL’EDUCAZIONE ALLA TOLLERANZA

Artemio Vítores ofm

Educazione alla tolleranza

Un secolo di convivenza tra cristiani e musulmani nelle scuole dei frati - senza scordare gli anni della presenza ebraica - ci porta a fare una prima constatazione: è possibile una reale convivenza tra cristiani e musulmani nella difficile situazione della Terra Santa.


school

Una scuola di Terra Santa - Acri

Le testimonianze degli alunni che sono stati compagni a scuola mostrano che si crea non solo un rispetto reciproco, ma che è normale un rapporto di amicizia tra alunni cristiani e musulmani. È vero che possono influire altri fattori, come il cameratismo, il parlare la stessa lingua e forse gli stessi sentimenti nazionalisti palestinesi. Ma è anche vero che la religione non è, in questo caso, un motivo di separazione. Al contrario: la convivenza si prolunga all’università. In effetti gli studenti che sono stati insieme nelle scuole cristiane, continuano a rispettarsi e a essere tolleranti all’università; invece i musulmani che non hanno fatto questa esperienza, cioè non hanno mai vissuto con dei cristiani, in genere non sono aperti alla tolleranza e al dialogo con quelli. Ha detto il Papa ai laici riuniti a Beirut il 30 maggio 1997: «Condividere il lavoro, abitare negli stessi quartieri, vivere una solidarietà semplice e sincera: sono aspetti della vita comune che possono, senza alcun dubbio, rinforzare la conoscenza reciproca, l’amicizia, la mutua comprensione e il rispetto per la libertà di coscienza e di religione».


smiling faces

Volti sorridenti in una scuola di Terra Santa

Le scuole cristiane sono dunque un modo concreto perché i cristiani, i musulmani ed eventualmente anche gli ebrei possano vivere fianco a fianco, rispettandosi reciprocamente. L’educazione alla comprensione reciproca insegna ad accettare le differenze e in tal modo rende possibile convivere anche se ci sono delle differenze. La scuola diventa così uno dei luoghi del dialogo inter-religioso tra i seguaci delle grandi religioni monoteistiche. È, in definitiva, un contributo alla pace in Medio Oriente. La visione cristiana dell’uomo può aiutare gli ebrei e i palestinesi a uscire dal conflitto che insanguina la Terra Santa da ormai troppi anni, perché fa comprendere meglio l’importanza del rispetto per la persona e per la vita, eliminando la tentazione della esclusione dell’”altro”. I francescani, inculcando nelle loro scuole questi valori fondamentali, possono diventare un ponte di comunicazione tra il Giudaismo e l’Islam. San Francesco, chiamato “vir catholicus” ossia “uomo universale” per eccellenza, ne sarebbe ben contento!


  Custody Main


 

Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created / Updated Friday, 15 April, 2005 at 7:35:04 am by J. Abela, E.Alliata, E.Bermejo, Marina Mordin
Web site uses Javascript and CSS stylesheets - Space by courtesy of Christus Rex

© The Franciscans of the Holy Land

cyber logo footer