Tabor logo

© franciscan cyberspot


MENU
  * Inizio
  * Vangelo
  * Trasfig. 1
  * Trasfig. 2
  * Trasfig. 3
  * Mc 9,2-10 A
  * Mc 9,2-10 B
  * Montagna
  * Emir
  * Documento
  * Preistoria
  * Pagani
  * Antico Test.
  * Rabbini
  * Greci
  * Romani
  * Crociati
  * Post-Croc.
  * Francescani
  * Esplorazione
  * Santuari
  * Nuovo
  * Oggi
  * Conclusione
  * Immagini 1
  * Immagini 2
  * Immagini 3
  * Immagini 4

La Trasfigurazione di Gesù (Parte II)

(Lino Cignelli, ofm)

2. Contesto della Trasfigurazione

L'episodio è legato con quanto precede e ne è lo sviluppo logico. Lo notava già S. Leone Magno (sec. V): “Con l’illuminazione della grazia divina raggiungeremo più facilmente tale comprensione - del ‘grande Mistero’ -, se facciamo attenzione al contesto evangelico che precede immediatamente” (Tr. 51,1). Per papa Leone il contesto in questione incomincia dalla confessione di Pietro (Mt 16,13ss). La Trasfigurazione fa quindi luce tanto sulla persona quanto sull'opera di Colui che è “il Cristo, il Figlio del Dio vivente”.

Il Mistero del Tabor si compie “sei giorni dopo” (Mt 17,1) la grande svolta nella vita pubblica di Gesù, svolta determinata dall'annuncio della Passione e dalla proposta della croce da parte del Maestro “ai suoi discepoli” (Mt 16,21ss). Precisiamo i passi di questa svolta che segna “il culmine del ministero pubblico di Gesù” (Giovanni Paolo II, Omelia 11.3.1990, n. 2).

In Mt 16,21 il Maestro fa il primo annuncio del Mistero pasquale (passione - morte - risurrezione), sottolineando la fase negativa (molte sofferenze e uccisione da parte dei capi religiosi del popolo). La profezia suscita un'audace e... goffa reazione nel capo degli Apostoli (Mt 16,22). “La protesta di Pietro: ‘Questo non ti accadrà mai’ (Mt 16,22) - annota Giovanni Paolo Il - si ripete anche oggi da parte di chi vorrebbe che la sofferenza non fosse presente nel destino umano”.

Gesù respinge energicamente il tentativo del suo vice di distoglierlo dalla via tracciatagli da Dio Padre (Mt 16,23) e, per giunta, inculca ai discepoli il dovere sacrosanto di seguirlo sulla stessa via: la croce salva se è condivisa (Mt 16,24ss). Il discepolato cristiano si gioca precisamente su “la parola della croce”: o la croce o la “perdizione”! (1Cor 1,18; Fil 3,18s; cf. Mt 10,38s; Lc 14,27). Ma dal contesto risulta che i discepoli, con Pietro a capo, non si sono lasciati convincere dal Maestro. A questo punto e in questa situazione si verifica l’evento della Trasfigurazione, con l’intervento decisivo di Dio Padre.

  Tabor InizioAltri Santuari  


 

Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/Updated July , 2005 at 18:22:04 by John Abela ofm ,E. Alliata, E. Bermejo, Marina Mordin
Web site uses Javascript and CSS stylesheets - Space by courtesy of Christus Rex

© The Franciscans of the Holy Land and Malta

cyber logo footer